Milano, coraggio e determinazione per la mobilità del futuro

“Con Citytech Milano si conferma al centro del dibattito internazionale sul tema strategico della mobilità del futuro. Pochi giorni fa la nostra città è stata classificata da Icity rate come la più Smart d’Italia grazie al Wi-Fi, all’innovazione sociale ed economica e soprattutto grazie alla mobilità. A Milano è stato assegnato anche il Premio Città di Partenope vinto proprio sul tema della mobilità.
Risultati come questo sono la conferma inequivocabile che ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Con la mia squadra abbiamo sempre agito con coraggio, tenacia e determinazione, introducendo e sperimentando una mobilità innovativa”.
Lo ha detto il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia intervenendo all’apertura della Sessione istituzionale plenaria di Citytech sul tema ‘Le sfide della mobilità urbana: progettare il futuro delle città per dare nuove risposte a nuovi bisogni’.

“Abbiamo saputo dialogare con la città per spiegare le scelte che volevamo intraprendere – ha proseguito il Sindaco Pisapia – impegnandoci coerentemente con gli obiettivi che ci eravamo posti. E oggi i fatti ci stanno dando ragione, dalla diminuzione del traffico veicolare privato, all’introduzione del car sharing che ha avuto un vero e proprio boom, dall’aumento significativo del bike sharing, alla crescita della domanda e dell’offerta del trasporto pubblico”.

“Il miglioramento della qualità della vita per tutti i cittadini è l’obiettivo chiave di queste politiche sperimentali e innovative e insieme sapremo offrire ai milanesi e al Paese nuove prospettive, nuove idee, nuove opportunità per realizzare e diffondere una mobilità sempre più intelligente, ecologica, efficiente, sostenibile, veramente a misura d’uomo”, ha concluso il Sindaco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, coraggio e determinazione per la mobilità del futuro Milano, coraggio e determinazione per la mobilità del futuro ultima modifica: 2014-10-28T02:26:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento