Spese di comunicazione Emilia Romagna sentenza della Corte dei Conti

La Sezione giurisdizionale per la Regione Emilia-Romagna della Corte dei conti ha condannato 7
presidenti di Gruppo assembleare, in quanto firmatari dei Rendiconti annuali, alla restituzione di
somme relative alle spese sostenute “per il pagamento di spazi di comunicazione fornita da
emittenti radiotelevisive locali” negli anni 2010, 2011 e 2012, avendo ravvisato in ciò “danno
erariale”. La sentenza è stata recapitata oggi a Marco Monari, Luigi Giuseppe Villani, Gian Guido
Naldi, Roberto Sconciaforni, Silvia Noè, Mauro Manfredini e Andrea Defranceschi, i quali
presenteranno appello contro il pronunciamento della Sezione regionale della Corte dei conti.
“La decisione – spiega il legale dei presidenti di Gruppo, l’avvocato Antonio Carullo – è apodittica
e immotivata, con una parziale ricostruzione dei fatti e una ricostruzione in diritto che lascia quanto
meno stupiti. Senza entrare nel merito delle singole censure, che necessitano del dovuto
approfondimento, fin da ora si sottolinea come la Corte non abbia assolutamente approfondito
alcuno degli aspetti sottoposti, della complicata questione, ignorando i puntuali e precisi riferimenti
non solo delle Sezioni Riunite della stessa Corte dei Conti, ma anche le precise indicazioni del
Corecom che aveva dato un parere nel senso della archiviazione della questione sottoposta.
Naturalmente – annuncia Carullo – per queste ragioni la sentenza verrà appellata”.
I presidenti dei Gruppi sottolineano come la sentenza di oggi torni sul tema dell’inerenza delle
spese contestate rispetto al mandato istituzionale e sul ruolo dei capigruppo, quando negli ultimi
mesi su questi temi ci sono state quattro sentenze, due della Corte Costituzionale e due della Corte
dei conti – Sezione riunite in sede giurisdizionale, che, viceversa, hanno stabilito come in
Assemblea legislativa siano state rispettate le regole proprio in tema di inerenza delle spese. Inoltre,
la Corte costituzionale (con la sentenza 30/2014) ha stabilito che i capigruppo non sono agenti
contabili e che il loro operato non può essere riferito alla normativa statale sulla gestione del denaro
pubblico, bensì che la gestione dei fondi assegnati ai Gruppi consiliari regionali debba essere
verificata quanto al rispetto delle norme e delle regole fissate dalla Regione e dall’Assemblea
legislativa, e in tutti questi anni il bilancio della Regione è sempre stato dichiarato regolare e
promosso a pieni voti dalla Corte dei conti. Quanto al rispetto delle norme esistenti, nel loro
complesso le ormai numerose sentenze di Consulta e Corte dei conti a livello nazionale hanno
stabilito con chiarezza il rispetto delle procedure e delle norme di rendicontazione previste prima
dalla Legge regionale 32/97 e dalle successive modifiche, poi dall’applicazione del decreto
174/2012.

9 su 10 da parte di 34 recensori Spese di comunicazione Emilia Romagna sentenza della Corte dei Conti Spese di comunicazione Emilia Romagna sentenza della Corte dei Conti ultima modifica: 2014-10-10T18:08:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento