Parma, da agosto individuati 140 veicoli in fermo amministrativo e 185 auto in sosta sui percorsi bus

L’autodetector non lascia, anzi raddoppia: dal mese scorso, infatti, oltre ad individuare i veicoli circolanti soggetti a fermio amministrativo,  “colpisce” anche le auto in sosta lungo le strade percorse dai mezzi pubblici.

Continua dunque senza soste l’attività della Polizia Municipale con l’Autodetector e numerosi sono gli utenti della strada finiti nell’obiettivo delle telecamere in grado di rintracciare i veicoli circolanti gravati da fermi amministrativi fiscali.

Dal 19 Agosto lo strumento ha rintracciato ben 140 veicoli, che avevano complessivamente un debito con il Comune di 174.157 €: di questi 9 sono stati pignorati, 11 proprietari hanno raggiunto nell’immediato un accordo per il pagamento del debito contratto con il Comune di Parma a causa di sanzioni per violazioni al Codice della Strada non pagate, 25 veicoli risultavano in circolazione privi di copertura assicurativa, 9 circolavano in assenza della revisione obbligatoria; inoltre,  149 sono  le sanzioni contestate a vario titolo ai conducenti o proprietari dei veicoli e 2 le denunce effettuate a carico di cittadini in seguito all’attività con lo strumento.

Per la cronaca, da gennaio 2014, momento di inizio dell’attività con l’Autodetector, questi sono i risultati ottenuti: 245 sono complessivamente gli autoveicoli rintracciati  che avevano accumulato debiti verso il comune per un totale di 749.157 €, 38 i veicoli pignorati, 78 i veicoli in circolazione scoperti da assicurazione, 22 i veicoli in circolazione privi della revisione periodica, 135 i veicoli, non pignorati a causa delle pessime condizioni che sono stati sequestrati o tolti dal suolo pubblico attraverso le procedure di legge, 9 i conducenti di veicoli stranieri fermati e identificati che avevano accumulato debiti con il comune per un totale di 78.000 €, la cui identificazione consentirà di addebitare le multe prese e non pagate ai rispettivi proprietari o conducenti abituali, e  11 le denunce effettuate a vario titolo  a carico di cittadini fermati nell’ambito dell’attività con lo strumento.

Sul secondo fronte, quello delle violazioni relative alla sosta in situazioni problematiche,  la strumentazione è stata implementata con una ulteriore telecamera per il controllo delle soste abusive e, dall’8 settembre, è iniziata l’attività sperimentale con l’intento di sanzionare prevalentemente quei veicoli che, in violazione al Codice della Strada, recano intralcio al passaggio dei mezzi pubblici.

Nei 6 servizi effettuati con la nuova strumentazione sono state accertate 185 violazioni al codice della strada, in prevalenza di veicoli che stazionavano in spazi di fermata o lungo i percorsi degli autobus cittadini. In particolare sono state presidiate le vie principali della Città, l’asse Emilio Lepido – Repubblica – Mazzini – D’Azeglio – Gramsci – Emilia Ovest, la direttrice via Garibaldi – Trento – S.Leonardo, le vie di ingresso alla città, Langhirano, Montanara, Traversetolo, Baganzola, Mantova e altre strade di rilievo, Abbeveratoia, Fleming, Vittoria e Dei Mille, Mentana e Fratti.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento