Milano, via Capuana oltre 50 volontari puliscono i graffiti

milano pulizia graffiti via capuanaOltre cinquanta volontari hanno partecipato alla pulizia dei graffiti in via Capuana affiancando i tecnici del NUIR (Nucleo intervento rapido del Comune di Milano). Si tratta di un’iniziativa promossa da comitati di quartiere, associazioni, cittadini e dall’Amministrazione comunale per restituire i colori originali e cancellare le imbrattature nello storico porticato di Quarto Oggiaro.

“Lo scorso luglio via Capuana è stata oggetto dell’ennesimo atto di vandalismo: questa iniziativa è la risposta dell’Amministrazione comunale e dei cittadini di Quarto Oggiaro che vogliono riaffermare la legalità, il senso civico e il rifiuto di ogni violenza e sopraffazione”. Lo dichiara l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza che prosegue: ”La giornata di oggi riafferma la presenza e la vicinanza dell’Amministrazione alle necessità delle periferie perché anche dal miglioramento passa una miglior qualità della vita nel quartiere”.

L’intervento del NUIR è iniziato venerdì scorso e andrà avanti fino a martedì 30 settembre: impegna dai 5 ai 10 tecnici. E’ prevista la verniciatura in tinta di 80 colonne e 40 spazi murali per una superficie di circa 1000 metri quadri. L’obiettivo è cancellare tag e imbrattature ripristinando il colore giallo e arancio delle pareti.

L’iniziativa di oggi èstata promossa, oltre che dal Comune di Milano, anche dal Consiglio di Zona 8, dallo Spazio Agorà Acli, Villaperta, Ambiente Acqua onlus, Comitato Inquilini via Pascarella e Arci. Ad arricchire l’iniziativa domani, lunedì 29 settembre, verrà dato il via alla realizzazione di un dipinto murales a opera dei ragazzi del quartiere per far esprimere la loro creatività nel rispetto del bene comune.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, via Capuana oltre 50 volontari puliscono i graffiti Milano, via Capuana oltre 50 volontari puliscono i graffiti ultima modifica: 2014-09-29T12:12:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento