La Regione Valle d’Aosta invia una nota a Trenitalia

La Regione autonoma Valle d’Aosta, in merito alla riduzione da parte di Trenitalia del servizio ferroviario di interesse regionale, ha inviato, per il tramite dell’Assessore al turismo, sport, commercio e trasporti, Aurelio Marguerettaz, una nota a Trenitalia e per conoscenza al Governo nazionale nella quale si ribadisce che la Regione ha previsto le risorse per il servizio ferroviario come individuate dal decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 maggio 2014, n. 68, manifestando la disponibilità a farsi carico dello stesso a partire dal 01.08.2014, una volta concluso l’iter in corso, con uno stanziamento di 9,6 milioni.

Nell’evidenziare che dopo gli incontri iniziali le attività del tavolo tecnico-politico per la definizione dell’Intesa di cui all’art. l, comma 515, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, si sono interrotte – ha aggiunto l’Assessore Marguerettaz – nonostante le assidue richieste e pressioni portate avanti a tutti i livelli da questa Regione, chiediamo un intervento del Ministro Lupi per promuovere la conclusione dell’iter per il trasferimento delle competenze in materia ferroviaria alla Valle d’Aosta, anche rinviando, se del caso, la definizione dei vari impegni indicati dalle specifiche norme di attuazione dello Statuto speciale (decreto legislativo 26 ottobre 2010, n. 194) e quella del pregresso.

L’Assessore Marguerettaz ha infine evidenziato come non vi sia ragione alcuna per ridurre un servizio pubblico fondamentale per l’accessibilità della Regione e per la mobilità di migliaia di cittadini, penalizzando ulteriormente un’utenza ferroviaria sulla quale gravano notevoli problemi causati da un livello del servizio non adeguato e da ben noti problemi di ordine infrastrutturale.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Regione Valle d’Aosta invia una nota a Trenitalia La Regione Valle d’Aosta invia una nota a Trenitalia ultima modifica: 2014-09-29T13:03:38+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento