Ance Salerno auspica un immediato utilizzo degli 800 milioni per il Piano Scuole

Ance Salerno richiama l’attenzione sull’accelerazione della spesa effettiva degli 800 milioni di euro (fondi UE) che la Regione Campania ha programmato per interventi a vario titolo negli edifici scolastici.

“Si tratta – sottolinea il Centro Studi ANCE Salerno in riferimento ai provvedimenti varati dalla Giunta Regionale, in particolare con la delibera n° 233 del 27 giugno scorso – di un’importante opportunità per immettere nella filiera delle costruzioni nuove risorse, destinandole al miglioramento qualitativo degli edifici scolastici. L’importanza del provvedimento non può essere sminuita da rallentamenti procedurali o ritardi tecnico-amministrativi nella realizzazione degli interventi. La gravità del contesto economico non consente di sprecare un’opportunità di tale portata”.

Il Centro Studi ANCE Salerno ha monitorato il Piano della Regione Campania che con le risorse del POR FESR 2007-2013 ha reso disponibili oltre 800 milioni di euro per le scuole per interventi in edilizia scolastica. Il piano – articolato in due fasi – prevede stanziamenti effettivi per 827,3 mln di euro nell’ambito dei quali gli importi già erogati ammontano a 144,3 mln di euro e quelli ammessi a finanziamento si attestano a 40,8 mln di euro.

La prima fase (Potenziamento e Riqualificazione degli edifici) può fare affidamento su un bacino di risorse pari a 325 mln di euro, di cui 144,3 già erogati a valere sull’Obiettivo Operativo 6.3 (Città Solidali e Scuole Aperte). In questo caso il programma coinvolge potenzialmente 800.000 alunni delle scuole elementari, medie e superiori. Si articola attraverso due protocolli d’intesa: il primo (120 mln di euro destinati a 3.553 laboratori didattici in circa 1.000 scuole) disciplina l’attivazione di nuove dotazioni tecnologiche e di laboratori destinati alle aree della matematica, delle scienze e delle lingue. All’interno dello stesso protocollo sono previsti interventi sotto il profilo dell’efficientamento energetico, della messa a norma degli impianti, dellìabbattimento delle barriere architettoniche e delle infrastrutture sportive.

Nel pacchetto dei 325 mln di euro (I fase) rientrano anche i fondi (205 mln di euro) finalizzati al miglioramento di 400 ambienti scolastici. In questo caso si tratta di interventi dedicati a: ottimizzazione del risparmio energetico; sicurezza degli edifici (impianti idrici ed elettrici, scale di emergenza etc); ottimizzazione degli spazi interni ed esterni; segnaletica funzionale; miglioramento dell’accessibilità (porte, arredi, infissi esterni, ascensori, piattaforme elevatrici); impianti sportivi.

Nel programma finanziato complessivamente con 800 mln di euro si inserisce il percorso di accelerazione della spesa che prende prioritariamente in considerazione l’adeguamento statico degli edifici scolastici di proprietà dei comuni della Campania. In questo caso si tratta di 54 progetti che possono usufruire di 102,3 milioni di euro di stanziamenti, di cui il 39,9% è stato già ammesso a finanziamento (40,8 mln di euro).

All’interno dei provvedimenti ricadenti nell’ambito dell’accelerazione della spesa si colloca un’ulteriore delibera della Giunta Regionale della Campania n° 233 del 27/06/2014 che ha attivato la programmazione di ulteriori 400 mln di euro di investimento. Anche in questo caso la strategia istituzionale ha preso in considerazione alcune directory di intervento: dotazioni tecnologiche; laboratori didattici; efficientamento energetico degli edifici scolastici; messa a norma degli impianti; ausili per diversamente abili; dotazione di impianti sportivi; miglioramento dell’attrattività degli spazi negli istituti statali del 1° e 2° ciclo d’istruzione.

A conti fatti la spesa già erogata – rispetto al totale dei finanziamenti individuati – ammonta a 144,3 mln di euro. Restano da trasferire, quindi, in riferimento alla tranche di finanziamenti della I fase (Potenziamento e Riqualificazione degli edifici) 180,7 mln.

Nel merito della II fase (risorse POR FESR per l’adeguamento statico degli edifici scolastici di proprietà dei comuni della regione Campania) restano da ammettere a finanziamento progetti per un totale di 61,5 mln di euro.

“La nostra preoccupazione – evidenzia il presidente di ANCE Salerno Antonio Lombardi – è sempre la stessa: anche di fronte a piani dettagliati e bene articolati bisogna assolutamente evitare che importanti bacini di risorse non vengano celermente immessi nella filiera produttiva. Il piano scuola varato dalla Regione Campania per un importo complessivo di oltre 800 milioni di euro rappresenta senza dubbio un provvedimento di grande importanza. Ma già in altre occasioni non si sono colti in tempi ragionevoli gli effetti desiderati con grave danno non solo dell’utenza finale, in questo caso gli alunni campani, ma anche delle imprese che avrebbero potuto giovarsi di nuova liquidità”.

“ANCE Salerno – conclude Lombardi – nella scia di un impegno propositivo al fine di accelerare i processi di spesa, continuerà a monitorare con grande attenzione l’attuazione del piano, anche perché le prospettive di miglioramento della grave situazione nella quale si trova il comparto dell’edilizia in Campania appaiono destinate ad allontanarsi nel tempo. L’effettiva spesa dei fondi UE del ciclo 2007-2013 ancora bloccati resta una delle principali priorità per rianimare la filiera dell’edilizia”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ance Salerno auspica un immediato utilizzo degli 800 milioni per il Piano Scuole Ance Salerno auspica un immediato utilizzo degli 800 milioni per il Piano Scuole ultima modifica: 2014-09-13T10:00:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento