I servizi di sicurezza russi negano lo sconfinamento in Ucraina

I russi confermano, invee, che reparti mobili di militari delle Guardie di Frontiera sono state dislocate nelle immediate vicinanze del confine con l’Ucraina per tutelare la popolazione. La Nato, da parte sua conferma che “la notte scorsa c’è stata un’incursione russa, un attraversamento del confine ucraino” ma il segretario generale, Anders Fogh Rasmussen non ha parlato di “invasione”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin