Campobello di Licata, confiscati beni riconducibili al boss Giuseppe Falsone

La Dia di Agrigento ha sequestrato e confiscato beni per oltre 6 milioni e mezzo. I provvedimenti, tre di sequestro e uno di confisca, sono stati emessi dal tribunale di Agrigento e le indagini sono coordinate dalla Procura di Palermo.

I provvedimenti hanno colpito i beni riconducibili al boss Giuseppe Falsone, di Campobello di Licata, in carcere e ritenuto il capo di Cosa Notra ad Agrigento.

Tra i beni confiscati, un’azienda di coltivazione di cereali e di allevamento, 13 fabbricati e quote societarie.

9 su 10 da parte di 34 recensori Campobello di Licata, confiscati beni riconducibili al boss Giuseppe Falsone Campobello di Licata, confiscati beni riconducibili al boss Giuseppe Falsone ultima modifica: 2014-08-14T14:49:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento