Il profumo, Titino Carrara indossa le maschere di Suskind

Terzo appuntamento con “Tintarella di luna”, il progetto di letture teatrali nel giardino del teatro Astra a cura di Titino Carrara e Giorgia Antonelli. Un viaggio nell’emozione che abbraccia luoghi vicini e lontani, rievocando pagine della nostra cultura, della nostra storia e del nostro immaginario.

Mercoledì 6 agosto alle 21.30 sarà la volta del racconto teatrale “Il profumo”, che vede l’attore vicentino autore ed interprete di un testo originale, liberamente ispirato all’omonimo capolavoro di Patrick Suskind. Sulla scena, un mefistofelico Carrara interpreterà JB, un uomo senza odore, ma con una dote straordinaria: un naso capace di scrutare gli odori così profondamente da entrare sotto la pelle delle persone, scavandone l’anima fino a farle sentire vuote e nude.
“Proseguono le iniziative culturali che animano la città e che quest’anno sono particolarmente numerose oltre che curate grazie alla collaborazione degli esponenti delle forze culturali più attive – sottolinea il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci-. Le varie proposte animeranno numerosi luoghi, anche meno noti, pubblici e privati, tra cui molti parchi e aree verdi: un modo per riscoprire siti conosciuti e per avvicinarsi a nuove realtà attraverso la partecipazione ad appuntamenti che mettono in gioco una pluralità di linguaggi”.
“L’olfatto è il più primitivo dei sensi – spiega Titino Carrara entrando nel vivo del racconto teatrale “Il profumo”-. Quando scende la notte gli occhi si perdono nel buio. La notte ha diversi profumi che lasciano di sé tracce diverse e che cambiano di ora in ora: scendono netti, decisi, schiudono le porte al dubbio, alla paura, all’illusione. Anche gli uomini, come la notte, hanno odori diversi: odori dell’anima. Ma gli uomini, animali incapaci di vedere, si limitano a guardare. Non sanno neppure di possedere una seconda vista – quella olfattiva – eppure giudicano attraverso l’odore. E così, un uomo senza odore è un uomo con la notte nell’anima. Diverso, emarginato, solo. Un genio, un alchimista, un ciarlatano o forse un dio? O solo una scintilla dietro gli occhi vuoti di una maschera diabolica”.
I biglietti costano 8 euro (incluso un aperitivo di benvenuto). In caso di maltempo l’iniziativa sarà trasferita all’interno del teatro. Per il pubblico è disponibile gratuitamente il parcheggio del Circolo Tennis (Contrà Piarda).
Il progetto fa parte della programmazione estiva de La Piccionaia Teatro Stabile di Innovazione – un cartellone di spettacoli, letture, musica e percorsi in città – organizzato nell’ambito del progetto del Comune di Vicenza “L’estate a Vicenza. Nei giardini delle idee” in collaborazione con la Regione Veneto, il Consorzio Vicenzaè, AIM Energy.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il profumo, Titino Carrara indossa le maschere di Suskind Il profumo, Titino Carrara indossa le maschere di Suskind ultima modifica: 2014-08-04T16:57:35+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento