Pisa, primo master al mondo per formare chi garantirà assistenza elettorale

Arriva il primo Master universitario che formerà coloro che dovrannogarantire assistenza elettorale nei paesi dove la democrazia è una recente conquista: il Master Mepa (acronimo di Master in Electoral Policy and Administration) è stato appena lanciato dalla Scuola Superiore Sant’Anna insieme a “International Idea”, organizzazione il cui compito primario è proprio quello di fornire assistenza elettorale, e le sue iscrizioni sono aperte per formare una classe con un massimo di 28 allieviche seguiranno lezioni tenute per intero in lingua inglese. Il 50 per cento dei posti disponibili saranno riservati a candidate di sesso femminile. Per concorrere alla copertura dei costi di questo Master universitario di primo livello potranno essere concesse borse di studio. Il Master avrà durata annuale, da marzo 2015 alla primavera del 2016.

Per la Scuola Superiore Sant’Anna la direzione scientifica del Master è affidata ad Andrea de Guttry, ordinario di diritto internazionale e impegnato da ormai 20 anni nella ricerca e nelle attività di formazione che lo portano in tutto il mondo, in particolare nelle aree di crisi, a tenere corsi su temi come la tutela e la promozione dei diritti umani e la gestione dei conflitti. Proprio nei giorni scorsi Andrea de Guttry è stato invitato dalla Municipalità di Pechino, ad esempio, a tenere una lectio magistralis su come risolvere i conflitti. «Il Master in Electoral Policy and Administration – spiega Andrea de Guttry – è il primo al mondo dedicato su queste tematiche ed è realizzato con il supporto di ‘International Idea’, organizzazione che promuove l’assistenza elettorale. Il Master è diretto in primo luogo ai funzionari dei Paesi di recente democrazia che devono acquisire le conoscenze e le competenze per poter gestire in maniera ‘professionale’ l’intero ciclo elettorale». Le iscrizioni sono già aperte, sono suddivise su vari round e si concluderanno il 15 gennaio 2015.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento