Marine e foreste nel Mediterraneo e nella Regione dello Stretto di Messina

Convegno Università telematica Pegaso Messina, 26 giugno 2014, ore 17, Salone degli Specchi, Palazzo dei Leoni, Messina

Se le Marine del Mediterraneo fra il 1500 e il 1800 hanno “divorato” boschi di alberi, come hanno fatto le genti dello stesso Mediterraneo a ricostituire il proprio patrimonio boschivo? Da questo interrogativo di fondo origina il Convegno “Marine e foreste nel Mediterraneo: politica e ambiente in età moderna e contemporanea”, che evidentemente dovrà assumere un carattere seminariale, di confronto interdisciplinare, in quanto ancora sono pochissimi gli studi che intrecciano la storia marittima e la storia ambientale, fra età moderna ed età contemporanea.

Al Convegno porteranno i loro contributi due studiosi del Mediterranean Maritime History Network, i professori Salvatore Bottari ed Elina Gugliuzzo, intervenendo sulle storia delle scelte politiche e militari che si affrontarono per l’egemonia sul mare fra la prima età moderna e l’età in cui comparvero nelle acque mediterranee le prime navi in ferro (e a vapore). Seguirà l’intervento del prof. Giuseppe Restifo, il quale si soffermerà sul quesito: “è possibile raccordare storia marittima e storia ambientale?”. Sulle politiche forestali, seguite in particolare nell’area vasta dello Stretto di Messina, offriranno le loro competenze il dott. Ettore Lombardo, apprezzato dirigente della Forestale, e il prof. Nino Quattrocchi, laureato in Scienze forestali e autore d’un recente libro sulla foresta di Zafarana (residuo dell’antica foresta peloritana Linaria).

Al convegno sarà letto un intervento scritto del prof. Francesco Frasca, sulle politiche marittime e forestali della Francia e dell’Inghilterra. Il prof. Frasca, noto studioso di storia militare, proprio in concomitanza con il convegno messinese, sarà impegnato nei lavori parigini della Commissione Internazionale di Storia Militare.

Il Convegno sarà aperto dal saluto del sen. Nanni Ricevuto, Presidente della sede messinese dell’Università telematica Pegaso, promotrice dell’iniziativa. Questa è una delle prime proposte che l’Università telematica Pegaso lancerà nel panorama culturale della Regione dello Stretto, dove intende affermarsi come soggetto protagonista della progettualità dei saperi.

Saluto del Presidente Nanni Ricevuto, presidente Università telematica Pegaso Messina

Saluto di Renato Accorinti, Sindaco di Messina

Elina Gugliuzzo, Arsenali e legnami mediterranei nella prima età moderna

Francesco Frasca, Foreste, logistica e potere marittimo: Francesi ed Inglesi nel Mediterraneo (secolo XVII-XVIII)

Salvatore Bottari, I Russi s’affacciano sul Mediterraneo: questioni logistiche nel XVIII secolo

Giuseppe Restifo, E gli alberi vennero già “mangiati”, e poi?

Nino Quattrocchi, Foreste e territori peloritani: risorse ambientali e umane

Ettore Lombardo, Politiche forestali e ambientali: dal ‘900 verso il Parco dei Peloritani

Interventi programmati: Pino Giaimi, Giuseppe Martino, Nicola Barbalace

9 su 10 da parte di 34 recensori Marine e foreste nel Mediterraneo e nella Regione dello Stretto di Messina Marine e foreste nel Mediterraneo e nella Regione dello Stretto di Messina ultima modifica: 2014-06-23T12:32:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento