Milano, anticontraffazione, sequestrati 110 mila bracciali falsi

Il Sio della Polizia locale, Unità antiabusivismo commerciale, coordinato dal comandante Tullio Mastraneglo ha sequestrato nei giorni scorsi 110 mila bracciali contraffatti e altra bigiotteria in un negozio-magazzino di via Rosmini. Il valore totale della merce accatasta fra magazzino e negozio si aggira intorno ai 300 mila Euro.

Le indagini della Polizia locale sono partite da alcune bancarelle dei mercati di quartiere dove, fra la merce venduta regolarmente, è stata trovata anche piccola bigiotteria a marchio “Tiffany”, “Dodo” e “Pandora” evidentemente contraffatta.

Da lì gli agenti sono risaliti al fornitore, un magazzino con attiguo negozio a doppio ingresso, via Signorelli e via Rosmini, che anche nelle vetrine esponeva merce contraffatta. Ingenti le quantità che sarebbero state distribuite in altri negozi e nei mercati della città. L’attività, di proprietà di una donna di origine cinese, Z.Z. di 44 anni che è stata denunciata per contraffazione, non si limitava alla vendita ma comprendeva anche l’importazione, la distribuzione e l’assemblaggio dei pezzi; infatti fra i sacchetti colmi di ganci, perle, ciondoli e catene varie la Polizia locale ha anche trovato i cataloghi originali dei tre marchi, presumibilmente servivano a copiare il più fedelmente possibile i gioiellini.
“Continua il contrasto alla contraffazione e al commercio abusivo da parte di questa amministrazione. Sono quotidiani i controlli della Polizia locale nei mercati e negli assi commerciali contro un fenomeno che lede i diritti e la sicurezza del consumatore e nuoce alle attività regolari” dichiara Marco Granelli assessore alla sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, anticontraffazione, sequestrati 110 mila bracciali falsi Milano, anticontraffazione, sequestrati 110 mila bracciali falsi ultima modifica: 2014-06-16T19:40:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento