Reggio Emilia, Giovani in agricoltura finanziamenti per nuove aziende

Scade il prossimo 30 maggio l’ultimo bando del Piano di sviluppo rurale 2007/2013 che, con 2 milioni e 400 mila euro, finanzia i giovani che decidono di avviare un’attività nel settore agricolo per la prima volta.

Possono presentare domanda alla Provincia coloro che hanno iniziato la propria attività dopo il primo ottobre 2013.

Sulla base dei dati comunicati dalla Regione la Provincia di Reggio Emilia risulta, nella programmazione 2007/2013, tra quelle più attive nel promuovere l’avvio da parte dei giovani di imprese agricole.

Infatti, è stata seconda per numero di insediamenti, con 247 nuove aziende, solo alla provincia di Modena che ne ha avviate 254. Analogo risultato è stato raggiunto anche come cifre erogate, circa 9 milioni e 260mila euro, circa 3mila meno di Modena. Un dato significativo considerando che la provincia di Modena è di circa un terzo più grande, sia come superficie agricola, sia come numero di aziende agricole presenti.

“In questi anni abbiamo lavorato intensamente e con convinzione sui giovani – commenta l’assessore provinciale all’agricoltura Roberta Rivi – l’obiettivo è stato far conoscere le opportunità che il Piano di sviluppo rurale offriva. Per dare un futuro alla nostra agricoltura ed al nostro agroalimentare tipico serve un ricambio generazionale, rispetto ad una realtà di aziende che per una buona parte è ancora condotta da imprenditori di età elevate e quindi di breve prospettiva”.

“Inoltre – conclude l’Assessore – non va dimenticato che terra, acqua e cibo sono una delle ‘chiavi’ del futuro in una prospettiva di ulteriore valorizzazione delle nostre eccellenze e di sviluppo compatibile con le risorse delle nostre zone”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Reggio Emilia, Giovani in agricoltura finanziamenti per nuove aziende Reggio Emilia, Giovani in agricoltura finanziamenti per nuove aziende ultima modifica: 2014-05-27T13:07:00+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento