Rubbiani in provincia, da aprile a settembre percorsi nell’architettura bolognese

I numerosi edifici restaurati o realizzati in stile medievaleggiante da Alfonso Rubbiani e dai suoi collaboratori tra Otto e Novecento nei centri della pianura e dell’appennino bolognese costituiscono un particolare insieme architettonico non molto conosciuto.

Nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della morte di Rubbiani promosse dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna – MiBACT è stato organizzato il programma “Rubbiani in provincia”, percorsi e visite nei luoghi “rubbianeschi” del bolognese.

L’iniziativa intende diffondere la conoscenza di questo particolare aspetto dell’immagine del territorio ed è realizzata dalla Provincia di Bologna in collaborazione con i Distretti culturali e i Comuni del territorio con il sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Unipol.

In programma numerosi appuntamenti tra aprile e dicembre: visite guidate a Bentivoglio, Budrio, Minerbio, Sala Bolognese; conferenze con visite guidate a Sasso Marconi e a Vergato; e, tra novembre e dicembre, presso la Rocca dei Bentivoglio di Valsamoggia-Bazzano, la mostra Rubbiani, Rivani e Zucchini. Architetture neomedievali in Val Samoggia che sarà accompagnata da visite guidate e da un convegno.

Il progetto è stato ideato e realizzato dalla Provincia di Bologna in collaborazione con i Distretti culturali e i Comuni del territorio nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della morte di Alfonso Rubbiani promosse dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna – MiBACT in affiancamento e coompletamento dell’ampia serie di iniziative realizzate per l’occasione nel capoluogo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rubbiani in provincia, da aprile a settembre percorsi nell’architettura bolognese Rubbiani in provincia, da aprile a settembre percorsi nell’architettura bolognese ultima modifica: 2014-04-11T17:41:37+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento