Firenze, case sequestrate alla malavita per accogliere vittime di violenza di genere

“Sono impegnata a finalizzare innanzitutto le risorse che potranno giungere grazie alla legge nazionale approvata ad ottobre 2013, che contiene misure e risorse contro la violenza di genere attraverso una valorizzazione della reti dei servizi territoriali e dei centri antiviolenza, proprio nella direzione indicata dal presidente Rossi – afferma la vicepresidente e assessore al sociale Stefania Saccardi – e dunque per il rafforzamento del sistema di accoglienza in strutture ad hoc delle vittime di aggressioni a carattere sessuale. E’ fondamentale porle al riparo dal contatto con i loro persecutori per consentire loro di riprendere una vita normale”.

“Aggiungo che sto lavorando ad una proposta che consenta l’utilizzo a questo fine anche di beni sequestrati alla malavita – prosegue la vicepresidente Saccardi – che ritengo una finalizzazione nobile tra i loto possibili utilizzi. Per il resto la Giunta regionale è poi impegnata a rafforzare tutto un sistema di interventi capaci di far interagire tutti i soggetti impegnati nel contrasto della violenza, sia il livello regionale che territoriale. Abbiamo il compito di promuovere attività di sensibilizzazione e di comunicazione, sostenere interventi di formazione degli operatori, accrescere il monitoraggio e la conoscenza del fenomeno, usando al meglio le risorse disponibili ed eliminando ogni spreco”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, case sequestrate alla malavita per accogliere vittime di violenza di genere Firenze, case sequestrate alla malavita per accogliere vittime di violenza di genere ultima modifica: 2014-03-26T04:13:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento