Obama a Roma in visita ufficiale, modifiche alla viabilità e alla sosta

ObamaDa mercoledì 26 a venerdì 28 marzo il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e il Segretario di Stato americano, Jonh Kerry, saranno a Roma in visita ufficiale.

La mobilità cittadina si modifica già dalla notte tra martedì e mercoledì: su viale Rossini, via Aldovrandi, via Paisiello, via Bertoloni e altre strade attorno a Villa Taverna, ai Parioli, residenza dell’ambasciatore americano, scatta il divieto di sosta. Tra mercoledì e venerdì previste poi chiusure al traffico su viale Rossini e la temporanea sospensione delle fermate di bus e tram tra piazza Ungheria, via Aldrovandi e via Mercadante.

Sempre dalla notte tra martedì e mercoledì, scattano i divieti di sosta attorno alla sede dell’ambasciata Usa di via Veneto, quindi su via Sallustiana, via Boncompagni, via Marche e via Sicilia.

Giovedì 27, giorno in cui si concentra il maggior numero di appuntamenti, i divieti di sosta si estendono nella zona del Vaticano, del Quirinale, di Villa Madama e dell’Anfiteatro Flavio, dove scattano già dalla notte tra mercoledì e giovedì.
Sempre giovedì, entro le 13, viene chiusa la fermata Colosseo della metro B.

Inoltre, per agevolare gli spostamenti del corteo presidenziale, dalla notte tra lunedì e martedì e sino alle 13 di venerdì, sono previste limitazioni alla sosta nella zona tra Villa Borghese, via Veneto e Porta Pinciana, a piazza Bocca della Verità e largo di Torre Argentina e su alcune strade all’interno del rione Trastevere. Nella giornata di giovedì, previste limitazioni al traffico anche nell’area tra via Giulia, largo Fiorentini, vicolo della Moretta, via di Sant’Aurea, piazza de’ Ricci, piazza Vincenzo Pallotti, via dei Cartari, via Larga e via del Pellegrino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Obama a Roma in visita ufficiale, modifiche alla viabilità e alla sosta Obama a Roma in visita ufficiale, modifiche alla viabilità e alla sosta ultima modifica: 2014-03-25T02:48:39+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento