Napoli, contrasto al fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti speciali

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio concordate d’intesa con la Procura della Repubblica – Sezione Ambientale – diretta dal Sostituto Procuratore Aggiunto dott. Fragliasso e con il colonnello Ciro Esposito del Comando Polizia Municipale di Napoli, finalizzate al contrasto del fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti e loro consequenziale incenerimento al suolo, gli agenti della Unità Operativa Tutela Ambientale, diretti dal capitano Del Gaudio Enrico, hanno effettuato un’operazione di servizio in Via Provinciale delle Brecce confinante con Via Vincenzo Inganci – Quartiere Barra, ove durante l’attività di pattugliamento del territorio venivano attirati da un principio d’incendio proveniente da un grosso accumulo di rifiuti consistenti in ramaglie, residui di potature, tronchi d’alberi e altro materiale stimato in metri cubi 4.

Resosi conto della gravità dell’incendio, situato nelle immediate adiacenze del raccordo autostradale A1 – A3, con mezzi di dotazione di bordo, bombole antincendio, provvedevano a sedare la combustione.

Da accertamenti espletati sul posto gli agenti riuscivano a risalire alle responsabili dell’impresa, due sorelle, una titolare V.A. di anni 46 e l’altra dipendente V.M, di anni 48, entrambe residenti in San Giorgio a Cremano, le quali venivano identificate e denunciate all’Autorità Giudiziaria ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e art. 110 C.P. per i reati di raccolta, trasporto e abbandono incontrollato sulla pubblica via di rifiuti speciali provenienti dall’attività dell’azienda agricola.

La titolare dell’impresa, dopo la diffida a rimuovere i rifiuti speciali sottoposti a sequestro, ha provveduto con mezzi propri a ripristinare lo stato dei luoghi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, contrasto al fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti speciali Napoli, contrasto al fenomeno dello smaltimento illecito di rifiuti speciali ultima modifica: 2014-02-22T17:12:56+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento