Marò, basta parole aprire crisi internazionale

militari detenuti in india“L’intera strategia adottata finora sulla vicenda dei due marò dai Governi Monti e Pd-PdL è stata un fallimento, e le forze politiche che li hanno sostenuti sono state acquiescenti all’ingiusta e illegale giurisdizione indiana, trattando con sufficienza chi, come il sottoscritto e il partito di Fratelli d’Italia, invocava l’internazionalizzazione della crisi e la necessità di ricorrere al diritto internazionale”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e componente della Commissione Esteri della Camera, in merito al nuovo rinvio dell’udienza del caso dei due fucilieri della Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

“Lo stesso ministro Emma Bonino – spiega – come risulta dagli atti parlamentari, aveva più volte invitato al silenzio, perché tutto sarebbe finito per il meglio”.

“Bisogna dare atto ai presidenti delle Commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato – continua Cirielli – di aver parlamentarizzato la crisi e posto l’accento sulla mia posizione e su quella di Fratelli d’Italia. Ora è necessario passare dalle parole ai fatti, aprendo una crisi internazionale, bloccando la nostra partecipazione alle missioni più care all’ONU, Libano e anti-pirateria, minacciando di uscire anche dalle altre a partire dall’Afghanistan. Solo interrompendo subito le prime due si capirà che facciamo sul serio”.

“E’ poi necessaria – conclude Cirielli –la messa in stato d’accusa di Monti, perché nella vicenda si profila un attentato alla Costituzione. E mi attiverò in Parlamento in tale direzione, mentre si continua a registrare lo strano silenzio del premier incaricato Matteo Renzi sulla vicenda”.

La situazione è in evoluzione: Marò, la Farnesina convoca l’ambasciatore Basant Kumar Gupta

9 su 10 da parte di 34 recensori Marò, basta parole aprire crisi internazionale Marò, basta parole aprire crisi internazionale ultima modifica: 2014-02-18T11:25:59+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento