Marò, gli indiani insistono per l’applicazione della legge anti pirateria

Il giudice Chauhun ha ascoltato la pubblica accusa, che ha confermato la richiesta dell’applicazione nella vicenda della legge per la repressione della pirateria (Sua act), e la categorica opposizione ad essa da parte dell’avvocato della difesa italiana Mukul Roahtgi. Il magistrato ha affermato che “di fronte a questa situazione sono io che devo decidere”, e ha rinviato per questo l’udienza al prossimo 18 febbraio.

Da parte sua Roahtgi ha annunciato la presentazione di una specifica memoria di opposizione all’applicazione del Sua act per il processo dei marò.

Nell’illustrazione della sua posizione il procuratore generale E.G. Vahanvati ha chiarito che nelle intenzioni del governo il Sua act dovrebbe essere applicato senza una specifica richiesta di pena di morte.

9 su 10 da parte di 34 recensori Marò, gli indiani insistono per l’applicazione della legge anti pirateria Marò, gli indiani insistono per l’applicazione della legge anti pirateria ultima modifica: 2014-02-10T06:31:11+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento