Roma, rabbia per la donna ridotta in coma dal suo convivente a Casal Bernocchi

La dichiarazione di Marta Bonafoni, Gruppo per il Lazio. “Voglio esprime il mio più sincero dolore e la mia vicinanza alla giovane donna di 19 anni, colpita dal suo convivente che l’ha ridotta in coma. Oltre il mio pensiero per lei e per le  tante altre donne colpite dalla violenza di genere sento però dentro di me una grandissima rabbia  che non è un mio sentimento privato, ma che condivido con tante altre donne impegnate contro la violenza maschile. E’intollerabile e non concepibile  pensare a relazioni di coppia che da conflittuali e difficili virano sulla violenza e la donna è sempre quella che paga il prezzo più alto: la vita, come è accaduto in moltissimi casi che non smetteremo mai di denunciare, la dignità di esistere , la salute. E’ il momento davvero di dire basta.

Dalla Pisana abbiamo iniziato un cammino impegnativo che ha portato all’approvazione in commissione Cultura e Pari Opportunità di una legge regionale contro la violenza di genere. Ma credo che un incisivo intervento vada fatto su più fronti e non solo su quello legislativo. A cominciare dalle istituzioni nazionali dove uomini misogini ritengono possibile insultare le loro colleghe deputate e poi celarsi dietro scuse ipocrite”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, rabbia per la donna ridotta in coma dal suo convivente a Casal Bernocchi Roma, rabbia per la donna ridotta in coma dal suo convivente a Casal Bernocchi ultima modifica: 2014-02-04T12:14:49+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento