Montalto Uffugo, assalto al portavalori ferito Jonathan Catalano arrestati due complici di Santa Martino di Finita e Mongrassano

Il ferito è stato portato d’urgenza all’ospedale di Cosenza ma non è in pericolo di vita. SI tratta di uno dei rapinatori. Il furgone portavalori stava scaricando alcuni sacchi di denaro alla filiale di Montalto Uffugo della Banca di Credito Cooperativo Mediocrati. I componenti della banda hanno atteso l’arrivo del portavalori chiusi in un furgoncino in sosta, quindi sono entrati in azione appena il furgone è stato parcheggiato. Dopo avere prelevato i soldi, che sarebbero gli incassi di alcuni supermercati, sono fuggiti sempre con il furgoncino, ma sono stati inseguiti, raggiunti e speronati dal portavalori in una sorta di inseguimento, con i malviventi che sparavano. Il rapinatore ferito è stato investito dallo stesso mezzo usato per la rapina e non è stato colpito da proiettili come si era ipotizzato in un primo momento. Gli altri componenti della banda, invece, hanno iniziato a sparare, poi sono fuggiti.

Dopo che il portavalori è riuscito a fermare la corsa del furgoncino dei rapinatori, i malviventi si sono allontanati a piedi confondendosi tra la gente che in quel momento affollava il mercato settimanale. L’elicottero dei Carabinieri si è alzato in volo per cercare di localizzarli.

Il ferito è Jonathan Catalano, un giovane di Cerzeto ma residente nel centro storico di Cosenza. In seguito sono stati arrestati due componenti della banda. Si tratta di un uomo di Santa Martino di Finito rintracciato dal nucleo radiomobile dei carabinieri e di uno di Mongrassano, ritrovato mentre cercava di fuggire nelle campagne circostanti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Montalto Uffugo, assalto al portavalori ferito Jonathan Catalano arrestati due complici di Santa Martino di Finita e Mongrassano Montalto Uffugo, assalto al portavalori ferito Jonathan Catalano arrestati due complici di Santa Martino di Finita e Mongrassano ultima modifica: 2014-02-04T14:14:53+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento