100 pagine in una

nei miei occhi

nei miei occhi        

C’era una dannata voglia di vedere il mare in me quella notte. Un forte desiderio di sentire la sua voce e i suoi racconti.

Lei, ha un vestito di seta fluttuante e morbido, dello stesso colore del cielo sui lunghi fianchi tante piccole lontane stelle, le maniche con pieghe di antico tempo e quando canta tutto l’intorno si veste di magia: la risacca; sale e scende le scale di sabbia, gira intorno a lunghe spirali che vanno dritte al cuore tra i rami di rosso corallo.

Da bambino ascoltarla mi faceva uscire fuori dal tempo, con lei più volte si sono incontrati i nostri occhi ed è forse lì che ora risiede e da lì, di notte viene a chiamarmi.

Dalla mia stanza di poche cose, intravedo il mare e a guardarlo mi viene voglia ogni volta di aprire le braccia e librarmi nell’aria allo stesso modo dei gabbiani per cadere fra le sue braccia; ma dall’ultima volta che lo feci è passato tanto tempo. La figura riflessa allo specchio per certi versi mi rassomiglia forse negli occhi e nel mento ove è rimasto il segno che lei la risacca una notte lasciò impresso col dito; il resto è per me sconosciuto.

La mano appoggiata alla parete accanto allo specchio, la testa china sotto la fievole luce delle due lampade, bianca come la neve.

Alzo gli occhi e fissando i suoi occhi accenno a un saluto, con la mano seguo lunghi segni profondi lungo le guance di un volto asciutto e secco come una noce, quando gli occhi gonfi lasciano cadere gocce bianche e lucenti che correndo si unisco all’acqua nel lavandino: sei vecchio!

Perché quello che ho dentro non può prendere vita, manifestarsi interamente nella sua splendida età?

C’è sempre stata la dannata voglia di vedere il mare. E ho camminato lungo strade da cui avrei potuto sempre vederlo. Ma la vita non è vero che sempre premia a volte inganna mostrando cose che si possono avverare come il sogno della notte prima, quando su una barca  remando raggiunsi la risacca su altre spiagge dimenticando la mia dove mossi i primi passi.

Ho incontrato la peggiore razza umana di ciarlatani e buffoni di corte di un re spavaldo e tiranno, ma c’erano anche i funamboli e saltimbanchi che per pochi denari sfidavano tratti si spiagge senza la risacca.

Io ero fra questi, sono stato con loro per tutto il tempo tanto da non riconoscermi più.

Su quelle spiagge di notte, di nascosto, dopo aver lasciato le mura delle prigioni, assieme a quei prigionieri abbiamo danzato e ubriacati di libertà, giurata vendetta e anarchia nei confronti di un re folle: il sistema.

Apro lentamente gli occhi e in quell’immagine mi dico ciao!

In quell’immagine ritrovo una memoria rinverdita da tanti ricordi di battaglie perse, di tanti tramonti e albe attese in catene di una lunga fila di prigionieri che camminando attraversava una lunga spiaggia deserta senza risacca e di poco mare. Forse spariremo come tanti che ci hanno preceduti, il re non ci ama!

Non so perché ma mi viene in mente Pierangelo Bertoli con la sua “ A muso Duro” e penso ai miei giorni liberi quando incosciente ( oggi sono peggiorato) andavo incontro alla vita sbattendo la porta sul muso ai servi dei re.

9 su 10 da parte di 34 recensori 100 pagine in una 100 pagine in una ultima modifica: 2014-01-18T21:12:04+00:00 da Vincenzo Calafiore
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento