Politiche forestali e sviluppo rurale, convegno a Firenze il 15 e 16 gennaio

“Politiche forestali e sviluppo rurale per la programmazione 2014-2020” è il titolo del convegno nazionale che si svolge a Firenze il 15 e 16 gennaio nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università (Piazza San Marco, 4).

Diviso in 5 sessioni e con una tavola rotonda conclusiva, il convegno affronta le strategie italiane per le nuove politiche agricole comunitarie e la definizione dei nuovi indirizzi che riguardano le modalità di spesa della parte dei circa 54 miliardi di euro della PAC che andrà al settore forestale.

Dopo l’apertura e i saluti che saranno affidati, tra gli altri, al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Nunzia De Girolamo e al ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Andrea Orlando, le tre sessioni della prima giornata saranno dedicate al bosco come bene culturale, a un nuovo approccio alla biodiversità e alla gestione, la multifunzionalità e la diversificazione dell’economia forestale.

Giovedì 16 gennaio saranno affrontate poi una sessione sui prodotti legnosi, una sui cambiamenti climatici e il rischio idrogeologico e concluderà il convegno una tavola rotonda sulla politica forestale nazionale verso il 2020.

“Si tratta di un appuntamento che si presenta ricco di novità – annuncia l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Salvadori che interverrà all’apertura – si intende infatti promuovere una “gestione attiva” delle risorse forestali favorendo un mutato atteggiamento rispetto al fenomeno dell’abbandono della gestione del bosco che porta comunque a un conseguente aumento delle superfici forestate. Si pensi che dal dopoguerra ad oggi in Toscana ne abbiamo 6000 ettari all’anno”.

La Gestione attiva delle risorse forestali – Ad oggi viene utilizzato circa il 40% della crescita annua. La gestione attiva, di fatto, privilegia un utilizzo sostenibile del bosco con interventi mirati e economicamente sostenibili. Il che consente un miglioramento dei conti economici considerando che oggi  il settore assorbe più risorse pubbliche rispetto al valore della produzione. Al tempo stesso si favorisce la produzione di energia e di legno ma anche la ripresa di altre attività quali ad esempio il pascolo in bosco. Boschi ben gestiti potranno meglio controllare l’invasione della fauna selvatica, in parte anche conseguenza dell’abbandono e ridurre i costi elevati della prevenzione degli incendi boschivi,  anch’essi legati all’abbandono e all’incremento di massa legnosa  suscettibile al fuoco.

Prospettiva nazionale e internazionale – La Regione Toscana vuole contribuire ad attuare il terzo pilastro della gestione forestale sostenibile definita dall’Europa, legato al valore sociale, culturale e paesaggistico dei boschi, fino ad oggi non implementato a livello nazionale ed  internazionale. Un rinnovato collegamento  fra bosco,  agricoltura e zootecnica è  la corretta visione che il settore esprime sul tema del paesaggio e della sua pianificazione favorendo  uno stretto rapporto fra economia, società ed ambiente,  in grado di sostenere anche la qualità del paesaggio.
In questo senso  il convegno intende promuovere anche il concetto di diversità bioculturale, legata al rapporto fra natura e cultura, anticipando la prima conferenza  mondiale  per l’implementazione del programma congiunto,  promosso da UNESCO e Convenzione Mondiale della Biodiversità,  sulla diversità biologica e culturale legata al paesaggio rurale. La Regione Toscana (assessorato all’agricoltura) proprio al aprile a Firenze ospiterà la conferenza alla quale parteciperanno più di 250  studiosi ed esperti da 35 paesi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Politiche forestali e sviluppo rurale, convegno a Firenze il 15 e 16 gennaio Politiche forestali e sviluppo rurale, convegno a Firenze il 15 e 16 gennaio ultima modifica: 2014-01-13T18:07:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento