Firenze, al via un bando di Giovanisì a favore dei Neet

Una sigla li definisce “Neet” (acronimo inglese che sta per “Not in Education, Employment or Training”) e sono i giovani che non sono inseriti in alcun percorso di formazione, istruzione o lavoro. Per cercare di fare emergere questa tipologia di giovani sul territorio toscano, Giovanisì, il progetto della Regione rivolto all’autonomia dei giovani, ha lanciato un nuovo bando che ha per destinatari i soggetti del terzo settore. A loro viene chiesto di presentare, entro il 17 febbraio, progetti che consentano di identificare e prendere in carico i giovani “inattivi” per accompagnarli in un percorso di crescita personale e professionale e facilitarne l’inserimento nel mondo del lavoro o in percorsi educativi e formativi.

Il contributo regionale massimo per ogni singolo progetto è fissato in 50.000 euro. E’ richiesta una compartecipazione da parte del soggetto titolare pari al 20% del contributo regionale.

Per quanto riguarda la valutazione dei progetti, nell’eventualità di parità di punteggio verranno preferiti i progetti che si svolgono nelle province di Livorno, Grosseto o Massa Carrara, poiché ritenute dalla Regione Toscana aree prioritarie di intervento e particolarmente a rischio dal punto di vista dell’occupazione giovanile e della presenza dei giovani “Neet”.

Clicca qui per scaricare il bando ed avere maggiori informazioni sul progetto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, al via un bando di Giovanisì a favore dei Neet Firenze, al via un bando di Giovanisì a favore dei Neet ultima modifica: 2014-01-13T11:38:56+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento