Venezia, difesa del suolo interventi per 19 milioni di euro

La Regione ha autorizzato l’avvio delle procedure di progettazione esecutiva e di appalto per una serie di interventi che riguardano la prevenzione e il mantenimento della risorsa idrica, la riduzione del rischio idrogeologico e la difesa degli insediamenti, il contrasto dell’erosione costiera e il ripristino ambientale, finanziati per un importo complessivo di 19 milioni di euro con la prima tranche delle risorse a valere sul Programma Attuativo Regionale (PAR) del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (ex Fondo per le Aree Sottoutilizzate FAS) 2007-2013.

Lo comunica l’assessore regionale alle politiche ambientali Maurizio Conte, dando notizia che il 18 dicembre è stato sottoscritto l’Accordo di Programma Quadro (APO) con il Ministero dello sviluppo economico e con il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, indispensabile per l’avvio di questi interventi.

Con un provvedimento della giunta regionale dello scorso luglio – fa rilevare Conte – era stato approvato il programma delle opere da realizzare nell’ambito della prima tranche delle risorse assegnate al Veneto con il PAR FSC (ex FAS) 2007-2013. A dicembre era stato poi approvato il programma definitivo degli interventi finanziati, aggiornato a seguito di verifiche d’ufficio circa le risorse disponibili per l’attuazione degli interventi di difesa del suolo da avviare nel corso del 2013 – 2014.

Le risorse finanziarie risultano già disponibili nel bilancio regionale – conclude Conte – ed è stata data quindi comunicazione ai soggetti attuatori che, con la firma dell’accordo, è possibile avviare le procedure di progettazione esecutiva e di appalto degli interventi oggetto di finanziamento.

9 su 10 da parte di 34 recensori Venezia, difesa del suolo interventi per 19 milioni di euro Venezia, difesa del suolo interventi per 19 milioni di euro ultima modifica: 2014-01-12T04:18:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento