Cagliari, il caro traghetti uccide il turismo

98

Giancarlo DeiddaUna situazione che “rischia di dare il colpo di grazia alla prossima stagione estiva”. A lanciare l’allarme è il presidente della Confcommercio di Cagliari, Giancarlo Deidda, che punta i riflettori sul “caro traghetti” come disincentivo del turismo in Sardegna, all’indomani delle sanzioni inflitte dall’Autorità Garante della concorrenza a Tirrenia Cin e Moby.

“L’ultima decisione dell’Antitrust in materia di prezzi applicati dalle compagnie navali Tirrenia e Moby, che controllano l’odierna Cin – sottolinea Deidda – rende evidenti violazioni degli accordi del 2012 che, a parole, avrebbero dovuto garantire rincari contenuti e che, invece, non hanno potuto impedire rialzi vertiginosi dei costi dei biglietti navali nello scorso anno”.