Catania, Provincia adottato bilancio di previsione 2013 e pluriennale 2013/15

Con i poteri del Consiglio il commissario straordinario della Provincia, Antonella Liotta,  ha adottato il Bilancio di previsione 2013 e il Bilancio Pluriennale 2013/2015. Il documento contabile, chiuso in equilibrio e nel rispetto del Patto di stabilità relativo all’anno corrente, è il risultato della politica del rigore adottata nell’Ente dal commissario, anche a causa delle riduzioni dei trasferimenti di risorse economiche statali e regionali.

A seguito del D.Lgs 118/2011 La Provincia è  stata ammessa alla sperimentazione del nuovo sistema contabile e quindi si è provveduto a redigere il Bilancio con nuovi modelli che hanno valore autorizzatorio e giuridico.

“Lo strumento finanziario appena adottato è il frutto di un incessante lavoro che abbiamo svolto in collaborazione con i revisori dei conti, il ragioniere generale, il segretario generale e i dirigenti dell’Ente – ha affermato il commissario straordinario della Provincia, Antonella Liotta -. Sono state affrontate e risolte diverse complicazioni derivate dal rispetto della delibera della Corte dei Conti sulle misure correttive da apportare al Bilancio, dall’esecuzione forzata del debito IFI saldati nel luglio del 2013 (truffa alla finanziaria perpetrata circa 40 anni fa da alcuni dipendenti dell’Ente), e dalla sanzione collegata, pari a 12 milioni di euro da restituire allo Stato”.

All’equilibrio di bilancio si è giunti anche attraverso ulteriori tagli alla spesa, penalizzando alcune attività ritenute accessorie, ma garantendo e tutelando i livelli occupazionali, i servizi alle scuole, alle Politiche sociali e gli interventi non rinviabili sulle strade di pertinenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Catania, Provincia adottato bilancio di previsione 2013 e pluriennale 2013/15 Catania, Provincia adottato bilancio di previsione 2013 e pluriennale 2013/15 ultima modifica: 2013-12-31T10:40:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento