A2A, firmato il patto parasociale fra i Comuni di Milano e Brescia

Il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia e il Sindaco di Brescia Emilio Del Bono hanno firmato il nuovo Patto Parasociale tra i due Comuni per A2A. Il Patto che entra in vigore dal primo gennaio 2014 è di durata triennale. Il Patto vincola per ogni Comune una quota pari al 25% e una azione del capitale sociale di A2A.

La principale novità del Patto,  le cui linee guida sono state approvate nei giorni scorsi dai consigli comunali di Milano e Brescia, riguarda il cambio della governance che passa dal sistema duale a quello tradizionale con un consiglio di amministrazione che sarà composto da 12 membri di cui 9 indicati dalla lista maggioritaria in assemblea e 3 indicati da altre liste. E’ prevista l’introduzione di un amministratore delegato che sarà scelto congiuntamente dai comuni di Milano e Brescia. Il passaggio dal Consiglio di Sorveglianza e di Gestione ad un unico CdA permetterà una maggiore efficienza nella gestione della Società e una riduzione dei costi.

L’accordo prevede anche la cessione da parte del Comune di Milano e del Comune di Brescia delle azioni possedute in eccesso rispetto a quelle sindacate. Si tratta esattamente di 83.637.292 azioni del Comune di Milano e di 76.946.215 azioni del Comune di Brescia, pari complessivamente a circa il 5% del capitale sociale di A2A. L’obiettivo è di concretizzare la vendita delle azioni nei primi mesi del 2014.

9 su 10 da parte di 34 recensori A2A, firmato il patto parasociale fra i Comuni di Milano e Brescia A2A, firmato il patto parasociale fra i Comuni di Milano e Brescia ultima modifica: 2013-12-31T02:24:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento