Badalucco, donna aggredisce a testate il maresciallo capo Espedito Longobardi

Protagonista una donna di 32 anni sorpresa a bestemmiare davanti alla chiesa dove era in corso la messa della vigilia di Natale. La trentenne ha preso a testate il maresciallo dei carabinieri che tentava di calmarla ed è stata arrestata. Il Comandante della Stazione di Badalucco, Maresciallo Capo Espedito Longobardi, che si trovava in servizio proprio nella centrale piazza del paese decideva di avvicinarsi alla donna con il fine di calmarla, capire cosa le stesse accadendo ed identificarla. Quest’ultima, però, alla vista del militare dell’Arma, ha iniziato a proferire anche nei confronti di quest’ultimo frasi oltraggiose. Nel frattempo si sono avvicinati anche altri due Carabinieri della Stazione di Badalucco poco distanti, anch’essi presi di mira dagli insulti della donna.

All’ulteriore invito di calmarsi e fornire i documenti, la donna ha reagito scagliandosi contro il Comandante della Stazione sferrandogli una testata sulla bocca e continuando ad insultarlo. A tal punto la 32enne è stata immobilizzata, non senza difficoltà, dai Carabinieri di Badalucco. La donna è stata ammanettata e dichiarata in stato di arresto perché resasi responsabile dei reati di violenza, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale. Condotta in caserma ha continuato ad opporre resistenza ai militari operanti. Quindi, dopo le formalità di rito connesse al suo arresto, la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria ed è stata condotta presso il Tribunale di Imperia per essere sottoposta a processo con rito direttissimo.

Al termine del processo, dopo la convalida dell’arresto, la donna, ricorrendo al rito abbreviato, è stata condannata alla pena di 4 mesi di reclusione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Badalucco, donna aggredisce a testate il maresciallo capo Espedito Longobardi Badalucco, donna aggredisce a testate il maresciallo capo Espedito Longobardi ultima modifica: 2013-12-26T19:28:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento