Il Testimonial Umberto Zanotti Bianco a Domenico Lucano sindaco di Riace

Pensare a Riace non significa solo associare simbolicamente una delle scoperte più importanti del ventesimo secolo, i due guerrieri tornati protagonisti, da ieri, al museo di Reggio con tutto il loro splendore e la potenza etica ed estetica di quella civiltà di cui siamo eredi. Nella Riace che sorge sulle alture e guarda il mare Ionio dove sono stati scoperti i Bronzi, è viva la parabola del mondo, fatta di poesia e di sofferenza, della potenza immaginifica insito nello spirito dell’uomo, ma anche dell’impegno di fronte alle profonde ingiustizie che gravano sul cuore della terra. Non è peregrino immaginare che a Riace si ripropone la rievocazione di una realtà mitica, nella sua accezione originaria, vale a dire di “racconto”, ma declinato in una nuova narrazione di ciò che aveva l’apparenza di utopia (siamo nel cuore dell’utopia con Tommaso Campanella): “La vera utopia non e’ la caduta del muro, ma quello che e’ stato realizzato in alcun paesi della Calabria, Riace in testa. Il vero miracolo non è qui, ma in Calabria, dove per la prima volta ho davvero visto un mondo migliore. Ho visto un paese capace di risolvere, attraverso l’accoglienza, non tanto il problema dei rifugiati, ma il proprio problema: quello di continuare a esistere, di non morire a causa dello spopolamento e dell’immigrazione. E ho voluto raccontare questa storia in un film che ha come attori i veri protagonisti”. Sono parole pronunciate dal regista Win Wenders, che nel  2009 a Riace ha girato un cortometraggio “Il volo”, ispirato alle esperienze di accoglienza dei piccoli comuni della Locride, intervenendo all’interno del X summit dei Premi Nobel per la pace organizzato nel Municipio Rosso di Berlino.

Il  viaggio di tanti disperati verso l’ignoto, si è trasformato in un approdo di “virtù e kanoscenza”, citando il noto passo del XXVI canto dell’Inferno di Dante dedicato all’esperienza dell’estremo viaggio (“folle volo” oltre le colonne d’Ercole) di Odisseo. Possiamo interpretare l’esperienza che è stata tradotta in questa cittadina, come un nuovo viaggio dentro i mondi che ognuno dei tanti migranti portano con sé e lo trasferisce e lo trasfigura nel nuovo linguaggio del mito come fondazione di una nuova religione dell’umanità, in cui i fatti umani sono la spiegazione di un sentimento che appartiene alla matrice più profonda di questa terra, quella dell’accoglienza e dell’ospitalità. Così come questo archetipo è stato la forza che ha generato e rigenerato l’opera materiale, culturale e spirituale di Umberto Zanotti Bianco, che ha dato vita ad una eredità diventata l’humus in cui piantare le nostre speranze, di una generazione che riconosce i principi fondamentali e i valori etici e spirituali, su cui si fonda l’esistenza e la dignità umana, universalmente riconosciuta.

Questa matrice ideale e spirituale, che coniuga pensiero, cultura e azione,  ha portato la Delegazione Vibonese di Italia Nostra, presieduta da Gaetano Luciano e in collaborazione con l’associazione culturale Alighistos, a conferire il “Testimonial Umberto Zanotti Bianco 2013” al sindaco di Riace Domenico Lucano, nella ricorrenza dei cinquant’anni dell’illustre meridionalista e scopritore della Magna Grecia. Lucano è stato capace di trasformare l’arrivo di tanti disperati alla ricerca d’asilo e di rifugio, in una grande opportunità di rinascita per Riace. La manifestazione di consegna si svolgerà nella Mediateca comunale della cittadina ionica, a partire dalle 17.00,  In anteprima assoluta avverrà la proiezione del docufilm “Bellezze e Rovine, il Mezzogiorno, l’Italia di Umberto Zanotti Bianco” (regia di Giovanni Scarfò, con Antonio Tallura,  Lavinia Mochi, Paolo Turrà e voce narrante di Pasquale Amato). “Il docufilm – spiega Scarfò – non ha soltanto un carattere commemorativo, ma costituisce l’occasione per riflettere su tutte le tematiche che Zanotti Bianco ha affrontato attraverso l’Animi, l’Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno, e che sono di grande attualità ancora. Oggi – continua il regista – dalle analisi sul Territorio, al problema del trasferimento degli abitanti, dopo una alluvione o un terremoto, la difesa e il risanamento del suolo, la sanità, la salvaguardia dei beni culturali, e soprattutto, l’istruzione, la cultura e la scuola, ritenuti da Zanotti Bianco i fondamenti della rinascita del Sud, soprattutto per trasformare in Cittadini la classe dei poveri”

A contrassegnare infine la manifestazione, la ballata “L’Italia ch’è dentro di me” eseguita dalla cantastorie Francesca Prestia (autrice delle musiche del docufilm)  accompagnata dalla pianista Fernanda Nudo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin