Santo Stefano sul ring per Rodrigo Bracco alla conquista del titolo dell’Unione Europea dei pesi gallo

Giusto il tempo per aprire i regali sotto l’albero e consumare il (leggero) pranzo di Natale. Il 26 dicembre al PalaMattioli (via Benedetto Dei) Rodrigo Bracco (34 anni, 14 vittorie, 4 sconfitte) tenterà di strappare il titolo del campionato dell’Unione Europea dei pesi gallo al detentore, il francese Anthony Settoul (27 anni, 17 vittorie e 2 sconfitte).
L’evento, organizzato dalla Boxe Loreni in collaborazione con l’Accademia Pugilistica Fiorentina, è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio dalla vicesindaco e assessore allo sport Stefania Saccardi assieme ai rappresentanti dell’Accademia e al pugile Bracco.
“Fra i tanti eventi sportivi che ospitiamo nel corso dell’anno – ha sottolineato la vicesindaco Saccardi – ce ne sono alcuni poco pubblicizzati, ma che invece sono ricchi di valori sportivi e umani e che meriterebbero quindi ben altra ribalta. A nome mio personale e dell’Amministrazione Comunale voglio formulare a Rodrigo il più sincero in bocca al lupo”.
Oltre al match per il titolo (sulle 12 riprese), dalle 16 il sottoclou con protagonisti alcuni tra i migliori dilettanti fiorentini e non solo. Citiamo tra i più attesi i portacolori dell’A.P.F. Palermo, Sicuranza e Vannozzi, i pugili della Pugilistica Isolotto Petragallo e Casamassima, Buti per la Boxe Valdisieve e Camara per la Boxe Mugello.
L’Accademia Pugilistica Fiorentina ha voluto premiare gli appassionati fiorentini rilanciando una antica e fortunata tradizione. Nel giorno di Santo Stefano, negli anni sessanta e settanta, proprio al PalaMattioli si sono tenuti appuntamenti pugilistici memorabili.

9 su 10 da parte di 34 recensori Santo Stefano sul ring per Rodrigo Bracco alla conquista del titolo dell’Unione Europea dei pesi gallo Santo Stefano sul ring per Rodrigo Bracco alla conquista del titolo dell’Unione Europea dei pesi gallo ultima modifica: 2013-12-20T18:07:04+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento