Perugia, Consiglio Provinciale affronta situazione Merloni

Nel Consiglio provinciale del 12.12.013, il Capogruppo di Rifondazione Comunista, Luca Baldelli, ha presentato una interrogazione urgente sulla situazione della azienda Merloni. Nell’interrogazione, il Capogruppo, dopo avere ricordatola delicatezza di una situazione che coinvolge intere comunità della nostra provincia, ha chiesto all’assessore di competenza se la Giunta abbia intrapreso, in qualche modo, contatti con la Giunta Regionale, i parlamentari espressione del territorio, nonché altri livelli interessati, per mettere in campo azioni efficaci volte a garantire una risposta ai lavoratori. Se, in secondo luogo, siano stati presi contatti col mondo del credito umbro e marchigiano, che ha nelle partita un ruolo fondamentale. E, da ultimo, se non si ritenga necessario ricorrere a misure straordinarie quali, ad esempio, una ipotesi di zona franca, o misure speciali per affrontare la crisi. L’assessore Aviano Rossi, rispondendo, ha puntualizzato dapprima come le somme destinate all’assegnazione di voucher siano state interamente impiegate, mentre non sia stato erogato alcun bonus occupazionale. Di seguito, l’assessore, ha voluto chiarire come da parte di molti lavoratori, che sembrano, in taluni casi, adagiarsi sulla Mobilità, non ci sia stata disponibilità alle assunzioni per modalità dell’offerta di lavoro ritenute non condivisibili. Baldelli, pur lodando l’impegno profuso dalla Provincia per la soluzione del problema e per la richiesta da essa fatta di essere presente al momento delle scelte, ha chiesto di insistere attraverso un dispiegamento dell’azione quotidiana degli sportelli, anche per meglio valutare le ragioni del rifiuto dei lavoratori a ciò che viene offerto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Perugia, Consiglio Provinciale affronta situazione Merloni Perugia, Consiglio Provinciale affronta situazione Merloni ultima modifica: 2013-12-16T11:44:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento