Uta, quinto giorno di sciopero nel cantiere del nuovo carcere

I lavoratori sono mobilitati per ottenere il pagamento di otto mesi arretrati di Cassa edile. L’idea del presidio permanente si è scontrata con le ragioni di sicurezza del penitenziario e così gli operai hanno ripreso stamani l’occupazione del cantiere. Alla base della contestazione il mancato pagamento della Cassa edile, prelevata regolarmente dalle buste paga ma non ancora liquidata.

Lascia un commento