Palermo, Francesco Puccio uccide la sorella disabile Giuseppina poi si toglie la vita

L’uomo di 58 anni ha assassinato la sorella di 62 anni. Poi si è suicidato. Sarebbe stata Giuseppina Puccio a chiedere al fratello di essere ammazzata. Il particolare emergerebbe, secondo i primi accertamenti della Polizia, da una lettera lasciata nell’abitazione dalla donna. Nel bigliettino Giuseppina avrebbe scritto di avere implorato il fratello di eliminarla perché non ce la faceva più a convivere con la sua malattia. L’uomo ha esaudito la richiesta della sorella e poi si è suicidato lanciandosi nel vuoto.

La tragedia familiare è avvenuta a Palermo, dove il fratello avrebbe legato la donna a una sedia e l’avrebbe accoltellata. Le avrebbe in seguito messo un sacchetto di plastica in testa e poi si sarebbe tolto la vita buttandosi nel vuoto.

Lascia un commento