Francavilla Fontana, infortunio sul lavoro costa la vita ad Angelo Reschi di Aradeo

L’operaio leccese di 38 anni è morto sommerso dall’acqua all’interno del cantiere di Francavilla Fontana nel quale stava lavorando per conto di una ditta di Galatina. I colleghi non sono riusciti a salvargli la vita. Nulla hanno potuto fare i soccorritori il cui disperato tentativo di tirare l’operaio in superficie per le braccia è stato vano. Angelo Reschi non ce l’ha fatta, stesso drammatico destino del padre che, a 39 anni, rimase anche lui vittima di un incidente sul lavoro accaduto quando il figlio era molto piccolo.

La tragedia è accaduta in via Barbaro Forleo vicino al palazzo municipale. La società per cui Angelo Reschi operava era in appalto con l’Acquedotto pugliese. Gli inquirenti sono a lavoro per visionare le immagini ed effettuare i dovuti approfondimenti tecnici per comprendere cosa abbia fatto franare il terreno proprio mentre l’operaio si trovava all’interno dello scavo, e inoltre cosa abbia provocato la fuoriuscita di acqua dalla conduttura, un getto così intenso da rendere impossibile ogni tentativo di trarre in salvo il leccese che, in poco tempo, si è ritrovato sommerso.

La vittima era sposata e aveva figli piccoli. Numerosissimi gli attestati di solidarietà da parte dei sindacati e di esponenti del mondo politico che invitano istituzioni ed aziende a non retrocedere sul tema della sicurezza sul lavoro. In lutto l’azienda di Galatina per la quale il 38enne prestava servizio.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin