Salaparuta, Giuseppe Cudia uccide a fucilate il figlio Pasquale

Il trapanese di 71 anni, che ha sparato con un fucile al figlio di 41 anni, è stato fermato dai Carabinieri di Castelvetrano. L’assassinio è avvenuto all’interno della casa dei due uomini.

Dopo il delitto, l’uomo si è costituito, telefonando ai militari e consegnandosi senza opporre resistenza. All’origine della tragedia familiare ci sarebbe un diverbio. A un certo punto, durante la lite l’anziano si sarebbe allontanato dalla stanza, per poi ritornavi qualche secondo dopo, armato di fucile. Poi i colpi contro Pasquale Cudia che è morto all’istante.

Dopo il delitto è stato lo stesso Giuseppe Cudia a chiamare i militari dell’Arma della locale stazione di Salaparuta, dicendo loro al telefono di avere ammazzato il proprio figlio. Quando i Carabinieri del piccolo centro del Valle del Belice sono arrivati nell’abitazione hanno trovato il corpo senza vita della vittima riverso in una pozza di sangue.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin