Napoli, studentessa di 23 anni inventa di essere stata stuprata in via Mezzocannone

Non è mai avvenuto lo stupro nella zona dell’Università Federico II. Lo hanno accertato le indagini della Squadra Mobile. La ragazza, messa di fronte alle contraddizioni della versione fornita agli investigatori, ha ammesso di aver inventato l’accaduto. L’espediente sarebbe servito ad allentare la pressione dei familiari che la sollecitavano a laurearsi.

La Mobile partenopea ha inviato un rapporto alla Procura sulla vicenda della falsa violenza denunciata. Forse non sarà denunciata per procurato allarme e simulazione di reato, entrambi ravvisabili nel suo comportamento, in considerazione delle sue condizioni di salute. Un ginecologo l’aveva visitata riscontrando piccole ecchimosi, piccole emorragie e rossore compatibili con un rapporto sessuale. Non è stato però possibile datare con esattezza l’episodio, che potrebbe anche risalire a 24 ore prima. La ragazza è apparsa al ginecologo che l’ha visitato anche in stato emotivo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, studentessa di 23 anni inventa di essere stata stuprata in via Mezzocannone Napoli, studentessa di 23 anni inventa di essere stata stuprata in via Mezzocannone ultima modifica: 2013-06-05T22:29:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0