Taranto, Ilva il sequestro deciso dai magistrati mette a rischio la continuità aziendale

Il provvedimento “può portare a una situazione fuori controllo, anche con possibili ripercussioni occupazionali per circa 20.000 dipendenti diretti in Italia e almeno altrettanti nel cosiddetto indotto”. E’ quanto si legge in una nota al termine del Consiglio di Amministrazione di Riva Fire, riunitosi in sessione straordinaria per esaminare le conseguenze dei provvedimenti di sequestro effettuati dalla magistratura di Taranto lo scorso 24 maggio.

Il Cda, “seppur consapevole della incompatibilità dei tempi giudiziari con le urgenze dell’attività industriale, ha dato mandato ai propri legali di impugnare i provvedimenti, auspicando in ogni caso che le Autorità competenti possano intervenire per consentire la ripresa dell’iter interrottosi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Taranto, Ilva il sequestro deciso dai magistrati mette a rischio la continuità aziendale Taranto, Ilva il sequestro deciso dai magistrati mette a rischio la continuità aziendale ultima modifica: 2013-05-27T20:53:21+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0