Maestra romana trentenne coinvolge in giochi sessuali un tredicenne

Tutto era partito davanti alla webcam. L’’educatrice scolastica in un asilo ha trent’anni. Lui solo tredici. Dal sesso virtuale è finita con un vero rapporto consumato in un parcheggio, in macchina, in pieno giorno, a dispetto dell’età. La vicenda, scoperta per caso dalla madre del ragazzo, è finita in Procura, dove la presunta pedofila, B.d., dipendente in un asilo nido, è stata rinviata a giudizio per atti sessuali con un minorenne di anni 14 e per detenzione di materiale pedopornografico. Il caso denunciato ai carabinieri di Tor Bella Monaca nell’inverno del 2011 era finito sulla scrivania del Pm Maria Bice Barborini.

Il minore è stato convocato a Palazzo di Giustizia per confermare i contatti via web e l’incontro. L’educatrice interrogata dal Pm Barborini ha negato i contatti sessuali. A tradirla però il riscontro sui tabulati e la sua passione per le foto pedopornografiche.

9 su 10 da parte di 34 recensori Maestra romana trentenne coinvolge in giochi sessuali un tredicenne Maestra romana trentenne coinvolge in giochi sessuali un tredicenne ultima modifica: 2013-04-13T21:17:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0