Gioia Tauro, ucciso in un agguato il barone Livio Musco

L’omicidio è avvenuto a due passi dal Comune e dalla Caserma dei Carabinieri e dalla sua abitazione.  Due colpi d’arma da fuoco hanno ucciso Livio Musco il possidente molto conosciuto nella cittadina della provincia di Reggio Calabria. Livio Musco, 74 anni, vedovo, padre di tre figli, è stato raggiunto da due colpi di pistola di piccolo calibro, forse una 6.35, al volto ed al collo. Sulla porta dello studio non sono stati trovati segni di effrazione.

Musco, già noto alle forze dell’ordine per truffa, è morto subito dopo essere stato portato in ospedale. Sono stati gli stessi medici ad avvertire i carabinieri di quanto accaduto. Secondo le prime informazioni l’uomo sarebbe stato soccorso da un familiare. Da una prima ricostruzione, il delitto non sarebbe da ricondurre alla criminalità organizzata. L’uomo non risulta fosse legato ad ambienti criminali ed anche l’uso di un’arma di piccolo calibro sembrerebbe far escludere questa eventualità.

I Carabinieri ritengono che sia stato lo stesso Musco ad aprire la porta al suo assassino, segno che comunque lo conosceva. Appena entrato nello studio, posto in un palazzo nel centro di Gioia Tauro, a poche decine di metri dalla caserma dei carabinieri, il killer ha sparato raggiungendo l’uomo al volto ed al collo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gioia Tauro, ucciso in un agguato il barone Livio Musco Gioia Tauro, ucciso in un agguato il barone Livio Musco ultima modifica: 2013-03-23T22:06:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0