Il Comune di Petronà riconosce le coppie di fatto. Plauso del Presidente della Marco Polo

 

 

Rosario Villirillo, presidente dell’associazione Marco Polo di Crotone scrive a Vincenzo Mazzei sindaco di Petronà per complimentarsi di avere deliberato, insieme alla sua Giunta e Amministrazione, il Regolamento per il riconoscimento delle coppie di fatto.

Villirillo scrive che “la costituzione del registro delle unioni civili  è un grande atto di coraggio e di responsabilità che certamente annovera il Comune di Petronà tra i primi comuni della regione ad aver dato giustizia alle coppie di fatto”.  I Comuni calabresi e, in particolare, i comuni capoluogo, che non riescono ancora a comprendere ed accogliere i cambiamenti in seno alla società, specie in materia di convivenza e di relazioni umane, dovrebbero prendere come esempio di giustizia e di civiltà il deliberato del Comune di Petronà”. E non solo. Per Villirillo “ nel confronto con il resto del continente, l’Italia è drammaticamente arretrata per quanto riguarda i diritti civili. La sentenza della Corte di Cassazione, che il 15 marzo scorso ha riconosciuto il diritto alla vita familiare alle coppie omosessuali, è l’esempio di un recepimento ormai inesorabile di nuovi diritti, nella fattispecie il riconoscimento di nuove forme di famiglia e di convivenza coniugale, che si affacciano alla vita pubblica. Conseguentemente, resta da fare molto in materia di integrazione sociale, nonostante l’esecutività delle sentenze che, negli ultimi tempi, si inseriscono in un percorso di superamento dell’arretratezza normativa sui diritti delle persone omosessuali, al fine di eliminare pregiudizi che invece contribuiscono ad alimentare i comportamenti omofobi e discriminatori”

 

9 su 10 da parte di 34 recensori Il Comune di Petronà riconosce le coppie di fatto. Plauso del Presidente della Marco Polo Il Comune di Petronà riconosce le coppie di fatto. Plauso del Presidente della Marco Polo ultima modifica: 2013-03-16T11:07:30+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0