Operazione contro il traffico di esseri umani 55 arresti colpiti 2 gruppi criminali somali

Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina di cittadini provenienti dall’area del Corno d’Africa e diretti, attraverso il territorio italiano, verso il Nord Europa, oltre che di contraffazione di documenti, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, riciclaggio ed altri reati.

In manette è finito anche un mediatore culturale dell’ambasciata italiana di Nairobi e un collaboratore del World Food Program. Si tratta di Hussein Mohamed Abdurahman, soprannominato “Banje”, mediatore culturale presso l’Ambasciata italiana di Nairobi, considerato il punto di riferimento per l’ottenimento, illecito, dei visti d’ingresso in territorio italiano e Mohamed Sheik Ali Bashir, collaboratore del Wfp.

Il cartello criminale, composto da cellule operative radicate in Italia, in Kenya e in Libia, conduceva i migranti verso Malta e la Grecia per poi convogliarli in Italia presso alcune basi individuate a Roma, Milano, Torino, Firenze, Prato, Bergamo, Cuneo e Napoli, considerate città strategiche per la loro vicinanza agli aeroporti che collegano, anche con voli low cost, le principali capitali europee.
I migranti venivano quindi muniti di falsi documenti e avviati verso paesi del Nord Europa, in particolare Olanda, Francia, Danimarca, Regno Unito e, soprattutto, Norvegia, Svezia e Finlandia. In alcuni di questi Paesi sono state individuate altre cellule operative dell’organizzazione.Altre 23 persone accusate di aver agevolato le attività illecite dell’organizzazione sono state denunciate a piede libero. Il giro d’affari della banda è stato stimato dagli inquirenti in circa 25 milioni di euro l’anno.

9 su 10 da parte di 34 recensori Operazione contro il traffico di esseri umani 55 arresti colpiti 2 gruppi criminali somali Operazione contro il traffico di esseri umani 55 arresti colpiti 2 gruppi criminali somali ultima modifica: 2013-01-15T06:16:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0