Bovalino, misterioso suicidio dell’avvocato Andrea Stilo

Il noto professionista reggino di 31 anni a San Silvestro si è tolto la vita gettandosi da un viadotto della superstrada Jonio-Tirreno, all’altezza di Mammola. Andrea Stilo si sarebbe ucciso perché minacciato dal alcune persone, allo stato ignote, per questioni non si sa se legate alla sua attività forense o a vicende di natura personale. Ad esserne convinti sono i familiari di Stilo intenzionati a presentare un esposto.

L’avvocato di Bovalino, figlio di un dipendente dell’Azienda sanitaria di Locri e di un’insegnante, secondo di sei fratelli, avrebbe pronunciato la seguente frase. “Va a finire che m’ammazzo così la finiscono di tormentarmi e minacciarmi e dirmi che mi chiuderanno in una stanza e mi riempiranno di botte”.

Il giovane era partito da Bovalino con la sua auto con l’intenzione, a suo dire, di andare a fare gli auguri a due amici di Gioiosa Jonica. Invece, dopo aver oltrepassato lo svincolo di Mammola, il viadotto Limina, ha parcheggiato ai lati della carreggiata, è salito sulle barriere di protezione e si è lanciato nel vuoto. Dopo un volo di 50 metri, si è schiantato sul letto del torrente Torbido, ed è morto sul colpo. Resta solo da capire le motivazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bovalino, misterioso suicidio dell’avvocato Andrea Stilo Bovalino, misterioso suicidio dell’avvocato Andrea Stilo ultima modifica: 2013-01-03T08:00:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0