Pizzo, maltratta bimbi all’asilo sospesa maestra

Ancora una brutta pagina per l’insegnamento al Sud Italia. Il gip di Vibo Valentia, Gabriella Lupoli, accogliendo la richiesta formulata dal sostituto procuratore Gabriella Di Lauro, ha disposto l’ordinanza di interdizione cautelare per una maestra d’asilo, R.n. di Vibo Valentia, accusata di maltrattamenti verso i bambini.

I militari dell’Arma di Vibo Valentia nei giorni scorsi hanno notificato il provvedimento alla docente, così subito allontanata, alla responsabile del circolo didattico e all’ufficio scolastico provinciale. I militari del capitano Diego Berlingieri hanno convocato i genitori dei bambini ai quali hanno mostrato le immagini captate grazie alle microcamere installate all’interno delle aule dell’asilo interessato, affinché riconoscessero i propri figli.

L’attività d’intercettazione era iniziata nello scorso mese di ottobre a seguito della denuncia che una famiglia aveva presentato alla stazione Carabinieri di Pizzo. Proprio i Carabinieri guidati dal maresciallo Pietro Santangelo, nei mesi scorsi, avevano scoperto altri episodi di violenza, in un diverso plesso scolastico, denunciandoli all’autorità giudiziaria che poi aveva provveduto ad emettere le misure cautelari a carico di un’insegnante. Accolta la denuncia e avviati i primi riscontri, i militari hanno informato la Procura di Vibo che ha coordinato le successive investigazioni. Da ottobre, quindi, era iniziata una lunga attività di intercettazione audio-video all’interno dell’asilo, durante la quale è emerso come la maestra usasse strattonare ripetutamente i bambini, minacciandoli anche con una bacchetta, mettendoli in fila faccia al muro o costringendoli per lungo tempo a posizioni stressanti, piegati faccia sui banchi. Sarebbe stato anche filmato qualche ceffone.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pizzo, maltratta bimbi all’asilo sospesa maestra Pizzo, maltratta bimbi all’asilo sospesa maestra ultima modifica: 2012-12-22T12:03:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0