Salerno, gli strilloni del centrosinistra ricordino che il popolo sa distinguere bufali da oche

“Con il provvedimento dell’anticipazione di cassa deliberato dalla Giunta provinciale di Salerno in favore del Cstp, mi auguro che i soliti strilloni del centrosinistra comincino a fare il mea culpa con i salernitani, da sempre raggirati dal primo cittadino con dichiarazioni mediatiche strumentali, tese a scaricare su altri responsabilità amministrative e politiche”. Lo dichiara il consigliere regionale, Giovanni Fortunato. “E’ risibile- continua- che chi ha spolpato la Regione Campania e la Provincia di Salerno ed ha sperperato spensieratamente senza preoccuparsi del futuro, mettendo in vita un sistema clientelare, oggi continui a non riconoscere gli errori di una cattiva gestione del danaro pubblico che ha contribuito al peggioramento degli stili di vita del popolo campano”. “De Luca, Bassolino e Valiante- aggiunge- dovrebbero essere i primi a scusarsi con i dipendenti del Cstp e con i cittadini salernitani, che hanno dovuto subire i danni della irresponsabilità politica del centrosinistra. La Regione targata Caldoro e la Provincia di centrodestra con Cirielli prima e Iannone ora, hanno ereditato e posto rimedio ai disastri causati dalle combriccole che hanno governato e scialacquato per 15 anni e che ora, con sfrontatezza, improntano la loro campagna elettorale con i soliti vecchi slogan”.  “All’amico Gianfranco Valiante e a qualche suo difensore che fa il barbagianni presso il Comune di Salerno ricordando di dare a Cesare ciò che è di Cesare- conclude- voglio suggerire che il popolo si è svegliato ed ora “grida” e sarà difficile indurlo a non distinguere i bufali dalle oche”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Salerno, gli strilloni del centrosinistra ricordino che il popolo sa distinguere bufali da oche Salerno, gli strilloni del centrosinistra ricordino che il popolo sa distinguere bufali da oche ultima modifica: 2012-12-08T17:11:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0