Palermo, in giunta il pm Nicolò Marino e Linda Vancheri, funzionaria della Confindustria di Caltanissetta

I due nuovi assessori sono stati presentati in conferenza stampa da Crocetta a Palazzo d’Orleans. “Finora non ho sbagliato una nomina”, ha esordito il Governatore della Sicilia. I due nuovi assessori si aggiungono a Franco Battiato e Lucia Borsellino, figlia del magistrato ucciso nella strage di via D’Amelio.

“Una volta proclamati vorrò incontrare tutti i parlamentari. Io ho un rispetto sacro per le istituzioni e rispetto tutte le liste soprattutto quelle d’opposizione. Io non faccio inciuci, dico le cose e in questi giorni qualcuno mi ha telefonato – ha dichiarato Crocetta – Dovete capire che il mio è un metodo nuovo di interloquire. Sono convinto il bilancio e le misure di rigore passeranno”.

“I progetti non immediatamente cantierabili saranno accantonati nella programmazione dei prossimi due anni e saranno trattati solo quelli fattibili. In questi giorni rivedremo l’esecutività dei progetti e daremo precedenza a questi ultimi. Non è escluso che cancelleremo alcuni progetti già inseriti e ne inseriremo dei nuovi”. Tra i principali progetti che avranno immediata esecutività i collegamenti con l’aeroporto di Comiso, quelli tra Catania e Palermo, il passante Gela-Santo Stefano di Camastra. “Non sarà possibile ovviamente capovolgere la programmazione europea, ci vorrà più tempo – ha aggiunto – ma sarò molto realista inserendo solo progetti da mandare in gara subito”.

La Vancheri dovrebbe ricoroprire il ruolo di assessore alle Attività produttive con cui ha collaborato nella scorsa legislatura. Per il pm Marino si profila la delega all’Energia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, in giunta il pm Nicolò Marino e Linda Vancheri, funzionaria della Confindustria di Caltanissetta Palermo, in giunta il pm Nicolò Marino e Linda Vancheri, funzionaria della Confindustria di Caltanissetta ultima modifica: 2012-11-19T19:02:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento