Camerino, un successo il Teatro della comunità

Attori improvvisati, musicisti, stornellatori e un coro. La prima edizione del Teatro della Comunità a Camerino, che vede persone comuni scrivere, dirigere ed interpretare uno spettacolo, ha portato in scena tantissimi volti del paese.

Ieri sera, sul palco del teatro Marchetti, il numeroso pubblico ha assistito ad uno spettacolo divertente, ma non sono mancati spunti di riflessione su temi attuali. Hanno partecipato i musicisti Stefano Mora, Tony Gazzosa e Gianluca Brancatisano. A chiudere la serata personaggi storici della zona: gli stornellatori. Seguiti dal coro dell’Università di Camerino.

I partecipanti hanno portato in scena una storia costruita con le proprie idee, attraverso un attento lavoro sul corpo, sullo spazio, sulla memoria emotiva, sui sogni e desideri di trasformazione di ognuno.

Il Teatro della Comunità è un progetto dell’attore e regista di cinema e teatro Marco Di Stefano e della danzatrice e coreografa Tanya Khabarova. E’ il teatro voluto e fatto dalla gente comune, che rilancia la cultura dal basso, dai cittadini. E’ stato organizzato dall’Anmic Macerata, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata e con il patrocinio del Comune di Camerino, dell’Università degli Studi di Camerino e della Provincia di Macerata.

Di Stefano e la Khabarova, impegnati con il Teatro della Comunità anche a Pisa, torneranno con un nuovo laboratorio teatrale a Macerata: le prove, aperte a tutti e gratuite, si terranno dal 15 al 30 novembre presso l’I.I.S. “Matteo Ricci”, in via G. Di Pietro 12. L’appuntamento con lo spettacolo finale è per il 1 dicembre al Teatro Lauro Rossi. Tutte le informazioni su www.teatrodellacomunita.com, al 348 3305520 (Di Stefano) e su facebook “Teatro della Comunità”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Camerino, un successo il Teatro della comunità Camerino, un successo il Teatro della comunità ultima modifica: 2012-11-15T11:39:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento