Viterbo, aggredito in carcere il Pm Giovanni Musarò

Episodio di proporzioni inaudite con magistrato reggino aggredito mentre si trovava in carcere per un interrogatorio dal boss dell’omonimo clan di Palmi, Domenico Gallico, 54 anni, attualmente detenuto nel carcere laziale in regime di 41 bis. Il detenuto lo ha colpito in pieno volto. Secondo una prima ricostruzione Domenico Gallico, condannato a sette ergastoli, aveva chiesto di essere interrogato nell’ambito di un processo in cui è imputato nel corso dell’interrogatorio avrebbe dato un pugno in viso al magistrato che dalla colluttazione ha riportato la frattura del setto nasale. Feriti anche due agenti di polizia penitenziaria intervenuti per bloccare l’aggressione.

L’aggressione è avvenuta poco dopo che Gallico ha fatto ingresso nella stanza del carcere in cui doveva svolgersi l’interrogatorio e dove ad attendere l’ergastolano c’era il pm Musarò. Uno dei due agenti di custodia feriti ha riportato la frattura di un braccio. Sia Musarò che i due agenti sono stati ricoverati in ospedale per la ferite riportate nell’aggressione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Viterbo, aggredito in carcere il Pm Giovanni Musarò Viterbo, aggredito in carcere il Pm Giovanni Musarò ultima modifica: 2012-11-07T19:57:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

5 commenti per “Viterbo, aggredito in carcere il Pm Giovanni Musarò

  1. dino
    8 novembre 2012 at 12:25

    di sicuro il gesto del detenuto non è stato bello, vi posso garantire (per esperienza personale) che quel magistrato con la sua arroganza e presunzione farebbe perdere la pazienza ad un morto. Bisognerebbe che scendesse un pò dal piedistallo che si è autocostruito. E cercare di essere meno montato.L’articolo secondo me è come tanti altri e voi giornalisti prima di scrivere dovreste un po accertarvi della realtà perchè oggi con tutte le ingiustizieche ci sono fereste molti più scoop e molte più venditè di quelle che fate. Questa è l’opinione di una vittima di musarò e del sistema

  2. Vincent
    8 novembre 2012 at 22:39

    Bravo Dino, e poi c’è un’altra cosa , ed è che le persone se sono così violente è perchè sono stati loro i pm e i giudici a farle diventare così, questo è il carcere duro, e cioè dove un essere umano diventa accanito sempre di più altro che riabilitazione, dovrebbero tutti i detenuti al 41 bis spaccare la faccia ogni volta a questi abusisti , che bella figura di m…. il pm mi fà veramente piacere…

  3. ivana
    8 novembre 2012 at 23:08

    stanno distruggendo le vite delle persone questi maledetti,e’ stato portato all esasperazione quell uomo i giornali scrivono il criminale i criminali siete voi pm magistrati giudici che rovinate la vita delle povere persone e li portate all esasperazione,si sentono dio onnipotente e’ vero,giocate cn le vite delle persone,voi persone di legge se cosi vi potete definire provate,i pesi che buttate addosso agli altri a buttarli su di voi,chissa se riuscireste a farvi nemmeno un giorno di carcere voi razza senza dignita’ onore sentimenti le vere bestie siete voi….PM MAGGISTRATI…E TUTTA LA COMPAGNIA VOSTRA

  4. meri
    9 novembre 2012 at 18:48

    sono senza parole, letteralmente allibita dai commenti che leggo sopra. siamo davvero il paese delle banane. sono passati vent’anni da quando magistrati coraggiosi hanno dato la propria vita per lasciare un messaggio di legalità a noi giovani………..e ora leggere questi vostri commenti fa venire il voltastomaco.
    che amarezza………………….

  5. Pasquale
    9 novembre 2012 at 22:07

    Ivana; dal tuo commento sembra proprio che tu sia una galeotta fi provata esperienza, le persone che ragionano come te devono stare rinchiuse in galera a vita vergognati se dipendesse da me di allontanerei dall’Italia fai schifo.

Lascia un commento