Scafati, uccise innocente in manette Antonio Cesarano

Brillante operazione dei militari dell’Arma che hanno tratto in arresto un uomo di spicco del clan Sorrentino per l’omicidio, nel 2009, di un giovane di 23 anni incensurato, reo di somigliare al vero obiettivo dell’agguato.

Antonio Cesarano, 32 anni, al vertice del gruppo attivo nell’area di Scafati, nel salernitano, è ora in carcere su mandato del gip con l’accusa di omicidio, detenzione e porto illegale di armi.

Lascia un commento