Bologna, meningite uccide il napoletano Flavio Anania

Morire a 32 anni in modo improvviso. E’ accaduto ad una guardia giurata, dipendente della Coopservice, deceduto per una meningite fulminante da batterio meningococco. In via precauzionale, l’Ausl ha avviato le misure di profilassi. Il giovane nato a Napoli si è sentito male mentre era sul lavoro, quindi ha deciso di tornare a casa. I sintomi sembravano quelli di una classica influenza. Flavio Anania ha quindi assunto degli antipiretici, avvertendo la sensazione di stare meglio. L’indomani però la guardia giurata si sentiva molto debole e la sua ragazza ha notato delle strane macchie sulla pelle, proprio vicino alle orecchie. L’uomo è giunto al Sant’Orsola ma per lui non c’era più niente da fare. Il giovane è morto per una meningite da meningococco di tipo C. Se si fosse vaccinato si sarebbe salvato. Solo per quella di tipo B non esiste vaccino.

Lascia un commento